Stanice na srednjem talasu
Srpski pirat na srednjim talasima primljen u Krajovi u Rumuniji.
https://www.youtube.com/watch?v=A7BKwzZ2CR0
Reply
Da, on je često gost na ovim frekvencijama od 1600+ pa gore. Prepoznajem ga po glasu i što ima karakterističan eho.
Reply
Povratak frenkfencije ERT-a na 981 kHz

http://www.thegreekradio.com/node/28583
Reply
@Sektor, imaš li koji link do neke stranice, gde su sve te promene u zadnje vreme ažurno urađene?
Reply
@ Herdarko


I ja ih cekam...na netu ima dosta siteova koji rade azuriranje liste stanica ponaosob po frenkfencijama
Reply
IBC DIGITAL već nekoliko puta u svojim emisijama piše o postupku dodele koncesije za 11 frekvencija na srednjem talasu u Italiji. Priča se o nekakvoj komercijalnoj mreži na srednjem talasu za koncesijsko razdoblje 20 godina. Konkurencija je velika. Ima preko 300 prijava raznih operatera, pa čak i konzorcijuma. Šta je smisao svega toga? Mnogo je nedoumica i zbunjenosti. Dakle haos. Do nekakvog dogovora bi moralo da dođe do 3. 3. 2017. Snađi se ko može!

"RADIOPASSIONI" dal blog Radiopassioni.it di Andrea Lawendel

Frequenze sincrone in onde medie, parte la gara di selezione dei futuri operatori (anche consortili). Ma quante perplessità.
La "prima istanza" che come avevo specificato nel post di ieri impediva l'assegnazione di concessioni per l'uso di un totale di undici frequenze sincrone nella banda delle onde medie finalmente liberalizzata, è venuta
meno proprio in queste ore, con la pubblicazione - segnalatami dal solito Giorgio Marsiglio a sua volta informato con grande tempestività da Roberto Scaglione e Emanuele Scatarzi - dell'"elenco degli ammessi alla
procedura di selezione comparativa" (http://www.mise.gov.it/index.php/it/comu...e-medie-am) relativa, per l'appunto, alle frequenze sincrone.
La partecipazione alla procedura di selezione, specifica il Ministero, ai soggetti che avevano presentato richiesta entro lo scorso agosto. Ma visto che l'insieme delle risorse "sincrone" consente in teoria di realizzare
undici diverse reti con copertura parzialmente nazionale (alcune reti sono costituite da tre o quattro location, il caso dei 1143 kHz è costituito da Messina e Sassari, solo due, i 1035 e i 1368 kHz, le frequenze che
consentirebbero una copertura relativamente uniforme del territorio), c'è una opportunità, e forse una complicazione, in più. «Si fa presente - scrive infatti il Ministero - che le 11 reti sincronizzate, al fine di
evitare reciproche interferenze nocive, sono assegnate in modo condiviso a uno o più soggetti, tramite costituzione di una società anche consortile che avrà la titolarità del diritto d’uso dell’intera rete sincrona.
Pertanto la procedura di selezione comparativa - riservata comunque ai soli soggetti presenti nell’elenco (http://www.mise.gov.it/images/stories/do...ncrone.pdf) - potrà non avere
luogo nel caso in cui i soggetti richiedenti una o più frequenze di una rete sincrona di cui all'elenco si accordino per l’uso condiviso dell’intera rete costituendo una società che riceverà il diritto d’uso: tale accordo
dovrà essere comunicato al Ministero entro e non oltre il termine del 3 marzo 2017. Coloro che non rientreranno in tale casistica parteciperanno all'assegnazione della rete corrispondente alla frequenza indicata nella
domanda, secondo le modalità del relativo bando che sarà successivamente pubblicato.»
In definitiva alla gara partecipano i soggetti che hanno presentato un totale di oltre 300 richieste, una lista in cui ancora una volta spiccano nomi di grosso calibro come RTL, Monradio e diversi altri che partecipano
anche alla gara per le frequenze sincrone. Staremo a vedere se davvero sarà possibile costituire delle società e dei consorzi - operazione che nel caso dei multiplex DAB si è rivelata più complicata di quanto i regolatori
avevano forse previsto. Personalmente sono molto curioso: un network commerciale in onde medie con durata della concessione pari a 20 anni, in un periodo storico che ha visto - nel giro di 24 mesi - Francia e Germania
abbandonare completamente questa porzione di spettro. Il destino delle reti AM sembra segnato anche nel Regno Unito e chissà mai che la Spagna non decida, dovessero vincere forze liberiste, di realizzare qualche risparmio
dismettendo la propria infrastruttura in modulazione d'ampiezza. L'eventuale operatore di un network nazionale ha valutato concretamente il potenziale di ascolto in una porzione dello spettro RF sostanzialmente uscito dal
radar del grande pubblico, che in ampia misura non possiede più apparecchi fissi, portatili e autoradio abilitati alla ricezione, che vive in ambienti fortemente urbanizzati e in quanto tali immersi in un brodo di rumori
e interferenze radioelettrici? Sono state fatte valutazioni sulla content strategy su frequenze che in modulazione analogica sono limitate a 9 kHz di ampiezza di banda e appaiono quindi più compatibili con una offerta
news, sport, o comunque talk radio? Come scrivevo ieri, staremo a vedere, ma l'impostazione di tutta questa faccenda è sbagliata. Pensiamo solo alla volontà di mantenere, per le frequenze sincrone, i criteri di protezione
a suo tempo applicati al monopolio della RAI. Il Ministero mette a disposizione, per ciascuna frequenza, delle dettagliate schede tecniche che riportano anche gli impianti europei isofrequenza o adiacenti da cui la
frequenza italiana andrebbe salvaguardata. In parecchi casi, impianti che interferivano 40 anni fa sono ormai stati smantellati. Qual è il senso di tutto questo, a che cosa hanno guardato i nostri solerti regolatori?

Onde medie: Agcom pronta a evadere le richieste, ma l'etere AM delude certe aspettative
Insieme a Tiziano Bonini, docente di comunicazione e linguaggi mediatici, saggista, curatore e grande onnivoro di materiali radiofonici, avevo preso parte alla fase consultiva che aveva dato inizio al processo di
liberalizzazione dell'etere MF, le storiche "onde medie". A suo tempo io e Tiziano avevamo auspicato una regolamentazione aperta il più possibile alle istanze dell'associazionismo, del no profit e della cultura. Avevamo
in mente - e le avevamo citati - assetti legislativi che davano spazio a emittenti a bassissima potenza, convinti che una risorsa così antica, le onde medie in modulazioni di ampiezza, non potessero offrire molte
opportunità al mondo dell'emittenza commerciale, pur essendo potenzialmente aperta a nuovi entranti.
Com'è andata a finire? Per i soliti problemi legati a una burocrazia che deve coinvolgere sempre tanti soggetti, la liberalizzazione delle onde medie ha finito per essere una procedura a due fasi. Agcom definisce i
criteri in base ai quali scegliere gli assegnatari di frequenze che vengono invece definite dai tecnici del Ministero dello Sviluppo Economico. Ora, almeno sulla carta è vero che Agcom ha identificato una serie di
requisiti che in qualche modo permettono di dare attenzione alle iniziative no profit. Ma da come si sono mossi gli uffici tecnici del Ministero è più difficile che le onde medie in Italia possano mai diventare uno spazio
per iniziative culturali e legate alle realtà dei territori. A quanto era già sembrato di vedere quando il Ministero aveva annunciato lo scorso agosto le frequenze "sincrone" e "asincrone" disponibili (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/imag...nze_om.pdf), si semplicemente deciso di liberalizzare l'accesso al pacchetto di canali concordato negli anni a
livello europeo per l'infrastruttura Rai, con tanto di siti occupati e livelli di potenza diurna e notturna fissati illo tempore. In altre parole, i futurwnh¾ta1de ¬Ns et ¡?e{reratori i Ranti in onde medie sono stati
costretti a fare domanda per l'ottenimento di una o più frequenze presenti in un elenco predeterminato. Ci sono quindi situazioni strane, come Milano, dove è possibile ottenere una sola frequenza asincrona e città più
piccole dove le frequenze asincrone sono due o tre. Sulle frequenze "sincrone" in passato la Rai poteva accendere diversi impianti di uno dei tre newtwork nazionali, ma vi devo confessare che non ho ancora capito che cosa
implichi questa distinzione oggi. Anzi, se qualcuno me la spiega... Quello che si capisce è che al momento "per le frequenze sincrone non è possibile rilasciare, in prima istanza, alcuna autorizzazione." (parola del
Ministero).
Si tratta in definitiva di una procedura sicuramente più democratica e sensata rispetto allo sfortunato caso della "regolamentazione" ex post dello spettro FM, ma che a mio parere risulta da subito troppo rigida e
ingessata rispetto a una regolamentazione che fissi un livello di potenza generalmente basso per tutti (fatti salvi determinati casi, un pool di frequenze da assegnare a progetti di più ampio respiro), in cambio di uno
scenario di maggiore flessibilità. A Milano e Roma per esempio c'è probabilmente posto per una decina di stazioni AM low power. Il piano attuale assegna tre frequenze a ciascuna delle tre città. Capisco perfettamente la
necessità di identificare fin dall'inizio un limite realistico per questo medium, Agcom avrebbe potuto decidere per un numero massimo di autorizzazioni da concedere. Ma forse si poteva forse costruire un meccanismo di
assegnazione che prevedesse un supplemento di analisi tecnica che rendesse possibile l'accesso di un numero più ampio di soggetti interessati.
In ogni caso ora le bocce si sono fermate con la pubblicazione, sempre da parte dell'MSE, dell'elenco degli operatori che hanno presentato le loro domande in funzione dei dati resi noti ad agosto. Spulciando l'elenco
apparso sul sito in questi giorni (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/imag...NCRONE.pdf), noto parecchi soggetti che hanno presentato richieste per ottenere frequenze in diverse
città, alcuni di questi soggetti - penso a Monradio - fanno già parte del mondo dell'emittenza commerciale nazionale, ma mi sembra siano presenti anche i rappresentanti della radiofonia locale. Per me è più difficile,
almeno di primo acchito, dire se tra i richiedenti ci sono anche operatori di Web radio, ma mi pare di poter escludere - a meno che non siano state presentate richieste a titolo individuale - domande presentate da Web
radio universitarie e immagino che tale assenza non piacerà a Tiziano come non piace a me. Adesso non resta che aspettare il quadro che emergerà dalla definitiva fase di assegnazione. La parola ripassa ad Agcom per la
valutazione di soggetti e progetti.

END "RADIOPASSIONI" dal blog Radiopassioni.it di Andrea Lawendel

http://www.ondemedieitalia.it/
http://radiolawendel.blogspot.si/2017/02...parte.html

"IBC DIGITAL" "IBC DIGITAL" "IBC DIGITAL"

website: HTTP://WWW.IBCRADIO.WEBS.COM email: [email protected]

WED - MER 20.30-21.00 UTC 3975 KHZ IN MFSK32 (1500 Hz) E IN OLIVIA 16-500 (2200 Hz)
FRI - VEN 02.25-02.30 UTC 9955 KHZ IN MFSK32 (1500 Hz)
SAT - SAB 21.25-21.30 UTC 1584 KHZ IN MFSK32 (1500 Hz)
SUN - DOM 00.55-01.00 UTC 7730 KHZ IN MFSK32 (1500 Hz)
SUN - DOM 11.30-12.00 UTC 6070 KHZ IN MFSK32 (1500 Hz) E IN OLIVIA 16-500 (2200 Hz) VIA "RADIO BCL NEWS"
BUONA DECODIFICA!
Reply
[Image: CeJl4Nj.jpg]


Nabavio sam sebi prije nekoliko dana i ovu spravicu Smile ....nevjerovatno dobri prijemi na AM-u
Reply


Forum Jump:


Users browsing this thread: 1 Guest(s)